CROSTOLI, GALANI,BUGIE,CENCI, CHIACCHERE,FRAPPE.....

Sono il tipico dolce italiano per eccellenza del Carnevale, chiamato  a seconda dei posti in diverse maniere, ma il risultato non cambia....

Si tratta di un impasto a base  di farina a forma di striscia  che viene fritto o cotto al forno e successivamente spolverato di zucchero a velo.

Ecco i diversi nomi con cui vengono chiamati :

cróstoli  a Treviso, Ferrara, Rovigo, Vicenza, Trentino, Friuli, Venezia Giulia, gałàni  a Venezia, Verona e Padova;  bugie   a Genova, Torino, Asti, Imperia; cenci inToscana; chiacchiere  in Basilicata, Sicilia, Campania, Lazio, Umbria, Puglia, Calabria, Milano, Sassari e Parma ; frappe  a Roma e Ancona,    cioffe  nel  centro Abruzzo;  cunchiell' o in  Molise, fiocchetti  a Rimini; gale o gali  a Vercelli e  nella Bassa Vercellese;   guanti  a Caserta;   gròstołi  a Trento;  intrigoni  a Reggio Emilia, lattughe  a Mantova,   risòle a Cuneo e sud del Piemonte, rosoni o sfrappole  a Modena, Bologna, e in  Romagna;  maraviglias  in  Sardegna ecc

   

 Ed ecco la ricetta :

INGREDIENTI : 250 gr di farina 00, 30 gr di burro ammorbidito,  2 uova intere, 1 cucchiaio di grappa, 60 gr di zucchero, un pizzico di sale, zucchero a velo.

PROCEDIMENTO : impastare la farina con le uova, il burro, lo zucchero, il pizzico di sale e la grappa, fino ad ottenere un  impasto della consistenza come quella della pasta .  Stenderla in una sfoglia sottile e tagliarla a forma romboidale con due tagli in mezzo dando così forma al crostolo. Friggere in abbondante olio, per poco tempo altrimenti si brucia.  Passarlo su carta assorbente e spolverizzarlo con zucchero a velo.