GLI ASPARAGI

Probabilmente originari della Mesopotamia, gli asparagi appartengono alla  specie angiosperma, monocotiledone.

Sono  piante erbacee la cui  parte aerea è formata da foglioline minute e ramificate, piccoli fiori gialli e bacche rosse, contenenti semi neri.

Appartengono  alla specie dioica, cioè che  portano  fiori maschili e femminili su piante diverse e i frutti,le bacche, sono  prodotte solo dalle piante femminili.

Possiedono  dei  rizomi, che sono fusti modificati, che crescono sotto terra formando un reticolo chiamato “zampa” e da cui dipartono i turrioni o giovani germogli , che sono la parte commestibile, di forma allungata, consistenza carnosa e sapore delicato .



Vennero coltivati ed  utilizzati nel Mediterraneo  e dagli Egizi in Asia Minore già 2000 anni fa, mentre i  Romani fin dal 200 a.C., avevano dei manuali in cui minuziosamente  trattavano la loro coltivazione.

Gli asparagi  possono essere coltivati nei campi o in apposite serre dette asparagiaie in due modi:

a )   tramite la semina da marzo a giugno in una terra ricca e friabile intervallandole di 5–10 cm a seconda della tipologia utilizzata e  trapiantandone successivamente i rizomi

  b) direttamente per trapianto, su un suolo molto drenante, senza umidità.

Gli asparagi contengono :

·   l'asparagina  che serve alla fabbricazione di numerose sostanze proteiche, e dunque per la trasformazione dello zucchero

·  la rutina che serve a rinforzare le pareti dei capillari

· L ‘acido folico  in abbondanza

· Il manganese e la  vitamina A che hanno un effetto benefico sui legamenti, sui reni e la pelle.

·  Il fosforo e vitamina B che permettono di contrastare l'astenia

·  Il calcio

·  Il magnesio

·  Il potassio

·   È povero di sodio

·  È costituito da acqua per il 90%

Grazie all'effetto diuretico,  per l’elevato rapporto Potassio/Azoto, sono  consigliati  contro la gotta, i  calcoli renali,  i reumatismi e  l’idropisia. In particolare hanno  un ruolo attivo nella diminuzione di casi di eczema.

Essendo poveri di calorie, risultano essere  un ingrediente delle diete vegetali ipocaloriche e stimolando la muscolatura intestinale, facilitando l’evacuazione.

Per la presenza della proteina ASPA , però,  possono anche causa di allergie.