IL BASILICO

Il basilico è una pianta aromatica erbacea, annuale,  di origine orientale, della famiglia delle Labiate .

 Il suo nome deriva dal greco “ basileus”  ovvero  "erba da re", perché era considerata tra le più importanti.

Ha il fusto eretto  che può arrivare a 40/60 cm. di altezza,  ramificato con foglie peduncolate ,opposte, di forma ovale e  appuntite, sopra verde scuro e sotto più chiare.

Le foglie  fortemente aromatiche, sono  molto delicate: se toccate rimangono segnate.



I fiori bianchi sono piccoli e compaiono solo in estate.

Il basilico è una pianta molto sensibile al gelo, non ha esigenze particolari di terreno, anche se preferisce quelli di medio impasto e ben drenati.

La crescita è molto rapida e necessita di frequenti innaffiature, meglio la mattina, mai con troppa acqua  né troppo poca , ma  sempre in un  terreno  umido .

Viste le frequenti annaffiature, è  necessario  aggiungere  un concime organico con cui restituire al terreno tutte le proprietà nutritive e  va coltivato in una zona ombreggiata .

Perché la pianta si mantenga in vigore e soprattutto per non intaccare la qualità aromatica,  è necessario   cimare con regolarità asportando i germogli apicali e le infiorescenze man mano che crescono.

Esistono diverse varietà di basilico:

·         Quello GENOVESE  che ha foglie strette  verdi scuro simili a quelle del peperone

·         Quello NAPOLETANO con grosse foglie bollose

·         Quello FINE o NANO e quello GRECO  con foglie minute e  forma piccoli cespugli compatti

Le foglie ,molto aromatiche, possono essere raccolte fino all’inizio dell’autunno e possono essere utilizzate nei più svariati  modi nel campo gastronomico.

 Ottime come condimento per pasta o riso, per stufati di verdura o carne, per salse e per aromatizzare olio e aceto.

Per goderne al meglio l’aroma, è bene utilizzarlo fresco, subito dopo la raccolta, anche se è possibile conservarlo  essiccato in polvere o congelato o sott’olio come il pesto alla genovese.

Il basilico viene  anche usato in erboristeria quale rimedio naturale efficace contro i disturbi dell’apparato digerente.